Regolamento N. 183/2005

IGIENE DEI MANGIMI: il regolamento 183/2005  Il Reg. 183/2005 si appl...

HACCP: Hazard Analysis Critical Control Point

Decreto HACCP 155/97 (Hazard Analysis and Critical Control Points) ...

normativa internazionale imballi in legno ispm -15 della fao

Normativa internazione per le misure fisiosanitarie Il legname proven...

Abbattimento polvere

L'abbattimento polveri è necessario nei processi produttivi che, oltre...

  • Regolamento N. 183/2005

  • HACCP: Hazard Analysis Critical Control Point

  • normativa internazionale imballi in legno ispm -15 della fao

  • Abbattimento polvere

Annunci

Disinfestazione e rimozione nidi vespe, calabroni

pungiglione vespaOgni estate, si ripropone il problema dei nidi di api, vespe o calabroni che infestano le nostre abitazioni. Gli imenotteri aculeati (vespe e calabroni) sono insetti sociali ed annuali, ossia vivono in comunità e solo una stagione. Essi rappresentano un problema soprattutto se in casa ci sono persone allergiche al veleno della loro puntura. In questi soggetti si possono verificare situazioni realmente gravi e pericolose. Bisogna comunque tener presente che, il più delle volte, questi insetti non attaccano l’uomo se non vengono “stuzzicati”. La rimozione dei nidi dunque non deve essere eseguita in modo artigianale.

Avvicinarsi sempre con prudenza ai nidi, evitare di utilizzare prodotti insetticidi che siano stati realizzati per combattere altre forme di insetti. NON TENTATE DI BRUCIARE I NIDI, soprattutto se sono vicini alla vostra abitazione (e a maggior ragione se sono all’interno della vostra abitazione); il nido delle vespe e quello dei calabroni brucia molto bene, e se in precedenza avete spruzzato dell’insetticida ricordate che anche quello è facilmente infiammabile.

Disinfestazione e rimozione nidi vespe, calabroni e imenotteri aculeati in genere

La lotta alle vespe è rivolta alla eliminazione quanto più precoce possibile dei nidi, in particolar modo di tutti quelli ubicati in posizioni tali da costituire pericolo per le persone che abitano o lavorano nell’edificio o nelle vicinanze.

L’eliminazione di un favo deve sempre essere eseguita nel pieno rispetto di tutte le norme di sicurezza con particolare riferimento all’uso dei dispositivi di protezione individuale.
Ciò deve avvenire sempre indipendentemente dalle dimensioni del favo e della sua posizione.
Infatti anche la puntura di una singola vespa può condurre alla perdita dell’equilibrio di un operatore impegnato su un tetto o su una scala.

Analogamente l’operatore deve ricordarsi che la rapida ed improvvisa reazione delle vespe può mettere a repentaglio altre persone presenti in aree adiacenti.

Il rapido abbattimento delle vespe e dei calabroni è ottenibile mediante l’impiego di formulati pronti all’uso a base di piretroidi sinergizzati con piperonil butossido ed in grado di bloccare il movimento delle ali per la presenza di appositi solventi.
L’insetto caduto a terra ed incapace di riprendere il volo diviene inoffensivo e muore nel volgere di poco tempo.

La presenza nel formulato insetticida di un piretroide ad azione residuale (es. cipermetrina, permetrina) controlla le vespe che per qualche giorno continueranno a volare in prossimità del favo.

Nei sottotetti ove si deve intervenire contro vespe o calabroni, può essere utile l’impiego di un formulato insetticida ad azione fumogena.
Il fumo insetticida permette di abbattere parte degli insetti o comunque li rende meno capaci di compiere reazioni veloci.

Visitatori online

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online